Praga in tre giorni. Cosa vedere?

Dopo avervi lasciato, nel post precedente, con qualche info utile per vivere un perfetto soggiorno in stile praghese, è arrivato finalmente il momento che amo di più: quello delle considerazioni personali, quando posso sbilanciarmi completamente confidando cosa ha significato per me Praga, cosa mi ha trasmesso e quanto l’ho sentita (o meno) in linea con me stessa.

Prima di cominciare, però, una piccola anticipazione mi sembra necessaria: questi tre giorni, in territorio ceco, sono stati molto più di quanto mi aspettassi inizialmente. Più intensi, più interessanti, più pieni. Insomma, più tutto. Ebbene sì, Praga si è dimostrata sorprendente e vi spiego subito perchè.

Innanzitutto, devo ammettere che non pensavo affatto che la città potesse essere tanto bella esteticamente: ogni singolo elemento, dal monumento più famoso al particolare più nascosto, sembrava occupare perfettamente lo spazio a lui assegnato e, aiutato dalle calde e aranciate tonalità autunnali, contribuiva nel suo piccolo ad aggiungere un tocco di fascino ed eleganza in più al tessuto urbano. Praga sembra essere stata costruita un pezzetto alla volta, con tutto l’amore e la cura possibili a cui va aggiunta l’attenzione ai dettagli e alle piccole cose.

Follemente innamorata di questa porticina nascosta
Follemente innamorata di questa porticina nascosta

È proprio l’autunno, tra l’altro, la stagione migliore per visitare la città delle mille torri– come viene soprannominata a causa delle sue guglie aguzze che si slanciano all’orizzonte, creando un effetto molto gradevole alla vista- quando quest’ultima brilla come un gioiello in una vetrina e manifesta una grande personalità: immaginate il contrasto tra l’arancio delle foglie lungo i viali e il grigio luminoso del cielo di inizio Novembre, una rada nebbiolina che si alza nel tardo pomeriggio e che lascia intravedere il castello in lontananza, gli immensi ponti e, infine, bancarelle e negozietti in gran quantità con cristalli, marionette e orologi da taschino. Il tutto rigorosamente allestito con gli addobbi di Halloween.

Praticamente, pura magia.

Vi propongo allora le attrazioni che, a mio parere, non potete non considerare in un ipotetico viaggio di scoperta della capitale della Repubblica Ceca.

Cominciando forse dalle ovvietà, il punto di partenza più adeguato, per immergersi nel vero spirito praghese, è senza dubbio la Piazza della Città Vecchia, dove potrete respirare il dinamismo del centro, godere del miscuglio di stili architettonici presenti (gotico, rinascimentale e barocco) oppure osservare da vicino lo “spettacolino” offerto dall’Orologio astronomico, situato sulla torre del Vecchio Municipio, attorno alla quale si radunano folle di turisti allo scoccare di ogni ora. (Il mio consiglio è quello di salirvi in cima in modo da poter ammirare la piazza sottostante e la bellissima Chiesa della Madonna di Tyn da una nuova prospettiva, al prezzo di poche corone).

Tetti praghesi
Tetti praghesi
La Madonna di Tyn dall'alto della torre municipale è forse ancora più bella
La Madonna di Tyn dall’alto della torre municipale è forse ancora più bella

Anche una sosta presso il quartiere ebraico, Josefov, è d’obbligo: il Vecchio Cimitero, con le oltre 10000 lapidi, costituisce sicuramente una delle tappe più toccanti dell’intero itinerario.

Il tempo sembra essersi fermato in questo scatto
Il tempo sembra essersi fermato in questo scatto

Procedendo lungo il Ponte Carlo, incantevole sia di giorno che di sera con le statue dei santi tutte illuminate, si arriva alla zona di Hradcany, caratterizzata dalle stradine medievali e dai simboli dell’antico potere boemo: la Cattedrale di San Vito e il Castello Reale. In prossimità della sua cinta muraria, vi suggerisco di dare un’occhiata al Vicolo d’Oro, raggruppamento di casette variopinte nelle quali si vocifera vivessero famiglie di alchimisti, protette dal sovrano.

Attraversando il Ponte Carlo, incantevole lontananza la Cattedrale di San Vito
Attraversando il Ponte Carlo, in lontananza la Cattedrale di San Vito
Incamminarsi verso il Castello vuol dire imbattersi in cartoline come questa
Incamminarsi verso il Castello vuol dire imbattersi in cartoline come questa

Poco più a sud, invece, si trova il quartiere di Malá Strana, riconoscibile per i tetti color mattone e la presenza di moltissimo verde: dominato dalla Collina di Petrin, è questo il vero e proprio “polmone verde” della capitale, in cui gli abitanti si rifugiano in cerca di piccoli attimi di pace all’interno dei numerosi parchi.

Immerso nella vegetazione, si intravede il punto panoramico della Collina di Petrin
Immerso nella vegetazione, si riesce ad intravedere il punto panoramico della Collina di Petrin

Nelle vicinanze, la Piazza di Malta e quella del Gran Maestro, nota per il Muro dedicato a John Lennon: più interessante per la sua storia che per la qualità dei graffiti che lo ricoprono totalmente, questo simbolo di pace e libertà è diventato un luogo di richiamo per le giovani generazioni, attratte dall’atmosfera che vi aleggia intorno. In breve tempo, infatti, si viene catapultati nei fatidici anni ’80 tra colori psichedelici e canzoni dei Beatles.

Un coloratissimo tratto del Muro di John Lennon
Un coloratissimo tratto del Muro di John Lennon

Ultima, anche se non per importanza, la zona urbanistica più recente, quella di Nové Mesto, ideale per sfuggire al caos cittadino e passeggiare in tutta tranquillità sul Lungofiume Misaryk con la sola compagnia dei cigni che scivolano silenziosi sull’acqua, delle bizzarre case cubiste e dei riflessi romantici che appaiono di sera quando i caffè e i locali si accendono di vita, specchiandosi sulla superficie del fiume Moldava. Se ne avete l’occasione, passate davanti alla Casa Danzante, capolavoro dell’architettura moderna: i due edifici che la compongono- l’uno rigido e piuttosto anonimo, l’altro in vetro dalla forma sinuosa- richiamano probabilmente le figure di due ballerini (per questo, il complesso viene ricordato anche con il nome di Fred&Ginger!).

Un momento di pausa al Lungofiume
Un momento di pausa al Lungofiume
La Casa Danzante non passa certo inosservata nel quartiere di Nové Mesto
La Casa Danzante non passa certo inosservata nel quartiere di Nové Mesto

Praga si è rivelata in assoluto il mix perfetto tra passato e presente, tradizione e innovazione, ma anche tra folklore e charme, arte e cultura d’avanguardia, taverne e locali chic. Tutto ciò unito, però, in maniera armoniosa da un elemento molto particolare: quella sua tipica apparenza surreale e vagamente stregata, portatrice di fascino e di mistero.

Alla prossima,

Francesca

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...