Firenze da amare

Sono sempre stata dell’idea che, prima di rimettere piede in un luogo già visitato, fosse molto meglio dare la priorità al nuovo, a quel “non ancora visto” che promette lo stupore della novità, la curiosità, l’emozione del primo incontro. Eppure.

Eppure ci sono delle circostanze in cui ritornare può far bene; in cui ripercorrere i propri passi può portare a rivalutare le prime impressioni, i giudizi e le etichette assegnati troppo frettolosamente; in cui tornare può significare anche concedere (e concedersi!) una seconda possibilità.

Devo ammetterlo: anche se mi sembra così assurdo da dire ora, la mia prima volta a Firenze non era stata come me l’ero immaginata. Flotte di turisti chiassosi e a tratti irritanti, cielo uggioso, code interminabili ovunque. Insomma, niente a che vedere con l’idea di armonia che da sempre accostavo alla città.

IMG_20160714_095819

IMG_20160716_105757

Un po’ per circostanza e un po’ per un sincero desiderio, tuttavia, io e Firenze abbiamo avuto la fortuna di rincontrarci, ancora e ancora, e ogni volta questo ritrovarsi diventava sempre più bello. Sì, perchè Firenze mi ha toccato il cuore a poco a poco. Mi si è avvicinata lentamente e, senza fretta, si è lasciata scoprire in tutto il suo incanto: i vicoletti silenziosi, le antiche botteghe artigiane, i giochi di luce e ombre sul profilo degli edifici, la lentezza di una passeggiata lungo l’Arno, i giardini curati.

IMG_20160724_235450

DSC_1354.jpg

Tra questi ultimi, ce n’è uno in particolare a cui mi sono affezionata. Nella zona di Oltrarno, poco al di sotto di Piazzale Michelangelo, il Giardino delle rose permette di fuggire dal caos del centro per rifugiarsi in un tranquillo angolino verde (a ingresso gratuito!). Appartato e romantico, questo giardino ricorda un terrazzo stracolmo di statue, fontanelle e boccioli delicati -sono infatti presenti più di mille varietà botaniche, tra le quali oltre 350 specie di rose (vi lascio immaginare il profumo paradisiaco!).

DSC_1358

DSC_1346.jpg

DSC_1367

Un piccolo locus amoenus con una vista da togliere letteralmente il fiato: la cupola del Duomo, svettante sopra i tetti fiorentini, sembra più vicina che mai nonostante ci si senta immersi in un mondo totalmente a parte.

DSC_1361

DSC_1368

{Se posso, consiglio di visitare il giardino nei primi giorni di maggio quando la natura è nel pieno della fioritura, anche se alcune specie di rose presenti fioriscono verso inizio autunno.}

A presto,

F.

 

 

Annunci

2 risposte a "Firenze da amare"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...