Le città invisibili

IMG_20180802_194836_455.jpg

Arrivando a ogni nuova città, il viaggiatore ritrova un suo passato che non sapeva più d’avere: l’estraneità di ciò che non sei più o non possiedi più t’aspetta al varco nei luoghi estranei e non posseduti.

[…]

Se ti dico che la città a cui tende il mio viaggio è discontinua nello spazio e nel tempo, ora più rada ora più densa, tu non devi credere che si possa smettere di cercarla.

Annunci

3 thoughts on “Le città invisibili

Rispondi