Strade blu

 

strade blu least heat-moon.jpeg

Il deserto ha qualcosa di repulsivo, qualcosa che frustra il nostro istinto di trovare un riparo e rende incerte ed effimere le nostre dimore. Ma è proprio a causa di questa scarsa accoglienza che l’uomo interessato alla sua disciplina ne trova allettante l’aridità rocciosa e l’ambiente disagiato ed ostile. 

[…]

L’oscurità della notte cancellava ombre e contrasti e ripuliva la faccia del deserto trasformandola in un buio uniforme dove in ultimo c’erano solo tre cose: terra, vento e stelle. E c’ero anche io: ma più che vedermi, sentivo la mia presenza, e avevo l’impressione di essere solo una mente, un puro filo di consapevolezza. 

Annunci

4 pensieri riguardo “Strade blu

  1. mi incuriosisce questo libro perchè a me il deserto invece attira terribilmente. Luogo simbolo della ricerca interiore.

    1. Anche a me, non mi dispiacerebbe affatto un bel viaggio nel deserto… dormire sotto alle stelle, perdersi nel paesaggio.. un sogno!

Rispondi