Viaggi e viaggetti – finché il tuo cuore non è contento

[...] E a proposito di cielo, non si può tacere l'appagamento più semplice e antico di tutti che quest'isola è capace di offrire: quello di sdraiarsi all'aperto, sulla terrazza o addirittura in spiaggia, nel buio indicibile puntinato di stelle, avvolti dall'abbraccio rude del vento che non cala mai, dinanzi al mare nero nel quale ogni…

Le balene lo sanno – Viaggio nella California messicana

Al pari dei miei genitori, anch'io affermo che, nonostante tutte le difficoltà, è qui che voglio stare. In questa terra di nessuno che è la terra di tutti, in questo luogo di passaggio e di permanenza dove convivono i nomadi e i sedentari. O meglio: dove convivono il nomade e il sedentario che ciascuno di…

L’imprevedibile viaggio di Harold Fry

Capì che il suo viaggio a piedi, quel camminare per espiare i propri errori, era anche un modo per accettare le stranezze degli altri. Essendo di passaggio, si trovava in un luogo dove tutto, non solo gli spazi, era aperto. La gente si sentiva libera di parlare, e lui era libero di ascoltare. Di portarsi…

Latinoamericana – I diari della motocicletta

Ogni altro problema che non riguardasse la nostra impresa ci sfuggiva in quel momento, vedevamo solo la polvere della strada e noi sulla moto a divorare chilometri nella fuga verso nord.  (...) Lì abbiamo capito che la nostra vocazione, la vera vocazione, era viaggiare in eterno per le strade e i mari del mondo. Eternamente…